Smantellamento sempre più probabile?

18 novembre, 2011

Tra le conseguenze dell’ormai sempre più probabile lockout, guardando all’orticello nostro, si materializzerebbe all’improvviso la scadenza di vari contratti (ovvero si smaterializzerebbe la squadra campione NBA in carica).

Secondo ESPN, infatti,  oltre ai già noti free agent Tyson Chandler (ultra-fondamentale per gli equilibri difensivi), Caron Butler (beh, il titolo è stato vinto senza di lui… magari lo si può non confermare), JJ Barea (sorprendentissimo), DeShawn “you can’t see me” Stevenson e Brian “the custodian” Cardinal, se l’intera stagione 2011-12 saltasse… allora anche Jason Kidd e Jason Terry potrebbero aver già giocato a Miami l’ultima loro partita con la casacca dei Mavericks. I due infatti hanno solo un ulteriore anno di contratto: per l’anziano playmaker probabilmente si spalancherebbero le porte del ritiro (e della Hall of Fame), mentre il Jet potrebbe ancora rimanere (ma a prezzi ben più bassi) nei dintorni.

Anche Nowitzki lascerebbe, momentaneamente, il Texas per giocare in Europa.

Annunci

Una prematura analisi del roster (prima parte)

4 agosto, 2010

Dopo un luglio scoppiettante, il mercato attraversa la cosiddetta fase di stallo – un po’ perché i pezzi pregiati si sono già accasati, un po’ perché fa caldo, e un po’ per i prossimi mondiali FIBA in Turchia.

Si può quindi analizzare quello che verosimilmente sarà il roster che calcherà il parquet dell’AAC, almeno durante la pre-season.
Basandomi sui nomi pubblicati sulla pagina ufficiale, ecco il probabile quintetto:

  • Jason Kidd (PG), da ormai quattro-cinque anni lo si prevede già in fila alla posta per ritirare la pensione. Ma per quello che era il miglior play in circolazione sui campi NBA una decina di anni fa, non è ancora il tempo, nonostante i 37 anni suonati. Affidabile in attacco, deleterio dalla parte opposta, si è saggiamente riciclato in buon tiratore da 3. Dovrebbe avere un minutaggio ridotto anche per ritardare il momento in cui il suo fisico schianterà di botto!
  • Caron Butler (SG), arrivato la stagione scorsa dai derelitti Washington Wizards, ha faticato a rendere secondo i suoi standard. Quest’anno ci si aspetta un deciso miglioramento nella chimica di squadra e, di conseguenza nelle statistiche. In base allo sviluppo di Beaubois, potrebbe slittare in posizione di ala piccola, ma il suo posto in quintetto non dovrebbe essere in pericolo.
  • Shawn Marion (SF), ha da tempo terminato i suoi giorni migliori da splendido tuttofare nel corpo di brutto anatroccolo; è calato in tutte le produzioni statistiche, e pure in difesa ha cominciato a perdere qualche mezzo passo… da segnalare che l’anno scorso ha tirato appena 3-19 da 3 punti, in 75 gare, quando qualche anno fa superava agevolmente i 300 tentativi stagionali! Il problema è che non è troppo vecchio, avendo appena 32 anni.
  • Dirk Nowitzki (PF), è ancora il leader incontrastato, capace di portarsi la squadra sulle spalle e vincere le partite da solo. Accumula ancora cifre impressionanti e non sembra accusare l’età (anche lui è nato nel 1978), nonostante un lieve calo nel computo dei rimbalzi, probabilmente dovuto a saggia prudenza e/o alla bravura dei suoi colleghi di reparto.
  • Brendan Haywood (C), anche lui proveniente dai Wizards, ha firmato un’estensione del contratto che lo legherà a cifre pazzesche per 6 anni. Si teme che diventi il prossimo Erick Dampier… quale stella free-agent è in scadenza nel 2016? In ogni caso, il fatto che sia lui che Butler provenissero da una delle peggiori squadre della scorsa stagione non fa ben sperare circa la qualità delle acquisizioni.

Prossimamente la seconda parte, con l’analisi delle riserve!