Mavs ancora in attesa degli anelli

23 novembre, 2011

A causa del lockout di cui ancora non si intravede la fine, i giocatori del roster campione NBA 2011 non hanno ancora ricevuto il proprio meritato anello, solitamente consegnato in una cerimonia durante la partita inaugurale della stagione.

Fioccano quindi le prime lamentele, ma c’è anche chi fa notare come i Dallas Mavericks potrebbero diventare la squadra campione NBA per più tempo in assoluto. Ma rinunceremmo volentieri a questa onorificenza pur di sentire anche per il 2012 le varie paia di Nike, Adidas, Reebok, etc stridere sui parquet di mezza America!


Campioni NBA

13 giugno, 2011

Sarebbe dovuto accadere nel 2006, ma forse così è più bello!


E se gli Heat avessero contattato Dirk Nowitzki?

29 settembre, 2010

Cosa sarebbe successo se qualche mese fa i Miami Heat avessero contattato Dirk Nowitzki, proponendogli di far parte del fantastico trio (immaginatevi Lebron James, Dwyane Wade e il nostro tedescone al posto del sopravvalutato Chris Bosh)?

Wunderdirk dice che non ci ha mai pensato, perché quella proposta non gli è mai stata fatta, ma ammette che sarebbe stata una scelta durissima. In ogni caso, si è mostrato fedelissimo e riconoscente ai Mavs firmando un quadriennale da 80 milioni di dollari, al di sotto del massimo che avrebbe potuto chiedere, per tentare ancora un assalto all’anello con una squadra competitiva.


Arriva la firma di Tim Thomas

19 agosto, 2010

Ora è ufficiale: come da forti indiscrezioni, i Dallas Mavericks e Tim Thomas hanno finalmente raggiunto l’accordo che legherà il giocatore alla squadra texana per tutta la prossima stagione per la cifra di 1.35 milioni di dollari, il minimo per un veterano della sua esperienza. Con questa firma, i giocatori nel roster dei Mavs diventano 14: bisogna ora vedere che intenzioni avrà la società, se presentarsi così all’apertura del training camp oppure se offrire un piccolo contratto – magari non garantito – a un giovane undrafted / free agent per occupare l’ultimo slot disponibile.


Pubblicato il calendario della Pre-Season

18 agosto, 2010

I Dallas Mavericks giocheranno 8 partite di Pre-Season dal 5 al 22 ottobre, di cui una all’aperto a Indian Wells – nella calda California – contro i Phoenix Suns. Le altre partite in trasferta sono contro Detroit (da giocarsi a Grand Rapids, Michigan),  Chicago e Orlando, mentre in quelle casalinghe gli avversari dei Mavs saranno Washington (prima uscita “ufficiale” per John Wall), Chicago, Cleveland (orfani di Lebron) e Houston.


Una prematura analisi del roster (prima parte)

4 agosto, 2010

Dopo un luglio scoppiettante, il mercato attraversa la cosiddetta fase di stallo – un po’ perché i pezzi pregiati si sono già accasati, un po’ perché fa caldo, e un po’ per i prossimi mondiali FIBA in Turchia.

Si può quindi analizzare quello che verosimilmente sarà il roster che calcherà il parquet dell’AAC, almeno durante la pre-season.
Basandomi sui nomi pubblicati sulla pagina ufficiale, ecco il probabile quintetto:

  • Jason Kidd (PG), da ormai quattro-cinque anni lo si prevede già in fila alla posta per ritirare la pensione. Ma per quello che era il miglior play in circolazione sui campi NBA una decina di anni fa, non è ancora il tempo, nonostante i 37 anni suonati. Affidabile in attacco, deleterio dalla parte opposta, si è saggiamente riciclato in buon tiratore da 3. Dovrebbe avere un minutaggio ridotto anche per ritardare il momento in cui il suo fisico schianterà di botto!
  • Caron Butler (SG), arrivato la stagione scorsa dai derelitti Washington Wizards, ha faticato a rendere secondo i suoi standard. Quest’anno ci si aspetta un deciso miglioramento nella chimica di squadra e, di conseguenza nelle statistiche. In base allo sviluppo di Beaubois, potrebbe slittare in posizione di ala piccola, ma il suo posto in quintetto non dovrebbe essere in pericolo.
  • Shawn Marion (SF), ha da tempo terminato i suoi giorni migliori da splendido tuttofare nel corpo di brutto anatroccolo; è calato in tutte le produzioni statistiche, e pure in difesa ha cominciato a perdere qualche mezzo passo… da segnalare che l’anno scorso ha tirato appena 3-19 da 3 punti, in 75 gare, quando qualche anno fa superava agevolmente i 300 tentativi stagionali! Il problema è che non è troppo vecchio, avendo appena 32 anni.
  • Dirk Nowitzki (PF), è ancora il leader incontrastato, capace di portarsi la squadra sulle spalle e vincere le partite da solo. Accumula ancora cifre impressionanti e non sembra accusare l’età (anche lui è nato nel 1978), nonostante un lieve calo nel computo dei rimbalzi, probabilmente dovuto a saggia prudenza e/o alla bravura dei suoi colleghi di reparto.
  • Brendan Haywood (C), anche lui proveniente dai Wizards, ha firmato un’estensione del contratto che lo legherà a cifre pazzesche per 6 anni. Si teme che diventi il prossimo Erick Dampier… quale stella free-agent è in scadenza nel 2016? In ogni caso, il fatto che sia lui che Butler provenissero da una delle peggiori squadre della scorsa stagione non fa ben sperare circa la qualità delle acquisizioni.

Prossimamente la seconda parte, con l’analisi delle riserve!


5 Ws (+1)

3 agosto, 2010

Non è certamento buona educazione dare inizio a un blog senza prima una piccola presentazione.

  • Chi? Andrea Pinna, ormai non più giovane, appassionato di NBA, di numeri e statistiche, e dei Dallas Mavericks.
  • Cosa? Un blog sui Dallas Mavericks, all’inizio simpatica squadra di espansione, poi barzelletta della lega, e ora eterna incompiuta.
  • Dove? All’American Airlines Center, 2500 Victory Avenue, Dallas, Texas 75219. Potete anche chiamare al 214-222-3687, per qualsiasi informazione.
  • Quando? Dal 1980 sino ad oggi, oltre 30 anni di non-vittorie.
  • Perché? E’ la mia squadra preferita. Non sono un tifoso, non mi arrabbio se perde, non esulto se vince. Ma ha quel qualcosa in più rispetto alle altre.
  • Come? Il legame con i Mavericks nacque quando in panchina c’era quell’imprevedibile genio (o matto, dipende dai punti di vista) di Don Nelson: una squadra ridicolmente votata all’attacco, che poteva schierare contemporaneamente Steve Nash, Michael Finley, Antoine Walker, Antawn Jamison, e Dirk Nowitzki.

PS: ovviamente non si è parlato di una stagione da 5 vittorie.
PPS: potrebbe però essere un titolo di buon auspicio per stracciare il record dei famigerati Philadelphia 76ers del 1972-73…